Respirami

Respira, vieni qui.
Appoggia la testa vicino al mio cuore, che ha voglia di andar al ritmo con il tuo.
Respirami. Stai qui.
Uniamo il ritmo. Proviamoci, almeno. A far venir fuori un suono nuovo, un rintocco profondo, un passo cadenzato che ci indichi il percorso giusto, un richiamo per quando ci perdiamo.
Che noi siamo anime che passeggiano e cercano requie, che si fermano davanti a una vetrina e rimangono sbalordite davanti ad un mazzo di tulipani, gialli, come il sole che ci acceca.
Che il bello non solo ci colpisce ma ci paralizza e stiamo lì, riflessi sul vetro, ad interrogarci su quanto è fondamentale il lieve che ci circonda.
E allora vieni qui, siediti vicino a me, e respirami addosso.
Che l’alito del tuo cuore mi rende lieve l’attesa di sfiorarti e tremendo il secondo che non ti passo vicino.
Respirami, portami con te.
Il sapere che arrivi mi quieta la fame che ho dentro e la certezza che te ne vai mi chiude in gabbia, come un mazzo di tulipani, gialli come la voglia.
Dentro un vaso a succhiar l’acqua, sperando che non evapori troppo in fretta.

  1. alessandra c.

    🙂 che bello 🙂

  2. sei proprio tu

  3. Simple ha ragione. questo pezzo è bellissimo. urge lettura secondo me 🙂

  4. E menomale che c’è questo bisogno di scrivere. Ché sennò, io, senza leggerti, non potrei più stare.

  5. Turo un bel respiro, eh.
    Ma… mi sfugge qualcosa.

  6. mi è venuto un po’ un buco allo stomaco.. (questo brano qui è bellissimo)

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>